Vodka, muore, risorge e…

Vodka, muore, risorge e…

Sappiamo bene che durante le feste, tra il mangiare e il bere, si esagera sempre. In Russia, più precisamente nella città di Vladivostok (Russia) un uomo ha vissuto una avventura ai “Confini della Realtà”.

I casi della vita: dopo una colossale bevuta, ti possano dichiarare decedutosi può rischiare di essere considerati deceduti. Non capita ogni giorno, ma può sempre capitare. 

Questa è la disavventura accaduta a un abitante della città di Vladivostok (Russia) che dopo essere stato dichiarato morto dai paramedici, si è risvegliato all’obitorio per riprendere a bere come se niente fosse accaduto.I_Love_Vodka

Questa incredibile notizia è stata riportata dal giornale russo “Hasanskye Vesti”. Il protagonista della surreale vicenda era uscito la sera prima in compagnia dei suoi amici per una bevuta ma dopo l’ennesimo bicchiere di vodka ha perso conoscenza davanti a loro.
I suoi amici hanno immediatamente allertato la polizia e il pronto soccorso, ma al loro arrivo i medici hanno costatato la morte, ordinando il trasposto della salma all’obitorio.

Una volta rinchiuso all’interno della cella frigorifera, il malcapitato si è ripreso, iniziando a bussare, urlando e dimenandosi per attirare l’attenzione degli addetti che insospettiti dal rumore hanno chiamato la polizia. 

Ecco cosa ha scritto il giornale russo “Hasanskye Vesti” riguardo alla scoperta dei poliziotti:Con quale stupore hanno reagito i poliziotti quando dopo aver aperto la porta della cella frigorifera da quest’ultima, è uscito un cadavere vivo e vegeto, lo stesso che loro avevano lasciato qualche ora prima“.
Una volta ritornato dal mondo dei morti, l’uomo ha salutato i poliziotti e gli addetti dell’obitorio e si è recato nuovamente al bar dai suoi amici che stavano bevendo alla “memoria” del loro amico scomparso.

L’amico che gli ha aperto la porta è svenuto alla sua vista. Diciamo che non era San Tommaso e Gesù.

Fonte: Google News; Sputnik Italia; Verosimilmente Vero Blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.