Una cartolina dal passato. Gli italiani e il III Reich

Una cartolina dal passato. Gli italiani e il III Reich

17 ottobre 1944. Cari genitori. Questo l’inizio di una cartolina spedita dalla città di Breslavia (Polonia) a Faggeto Lario, piccolo comune vicino a Como.

Una cartolina vecchia di 72 anni che rivela il periodo oscuro dell’Italia e degli italiani post-Armistizio.

Una cartolina che riporta alla luce la triste e drammatica vicenda dei prigionieri italiani del III Reich nazista.

Questo reperto storico è stato casualmente scoperto e salvato da Valentina Romano (42 anni), docente di italiano e latino presso il Liceo Scientifico “Paolo Giovio” di Como. La stessa Valentina Romano ha raccontato al quotidiano Huffington Post Italia il fortunato ritrovamento: “Stavo andando a scuola come ogni mattina. Ho visto per terra una cartolina un po’ sgualcita. Pioveva e d’istinto l’ho raccolta. Poi ho visto il timbro blu con un’aquila e una svastica e ho capito che non si trattava di una cartolina. Sono salita in classe e ho chiesto ai miei alunni se fosse di qualcuno. Spesso i ragazzi portano la versione dei ‘Promessi sposi’ dei nonni, ho pensato che fosse caduta dai libri di qualche studente o collega. Ma non era di nessuno. Qualcuno allora mi ha detto: ‘Prof la venda su eBay!’. Ma io volevo restituirla a chi l’aveva persa. E poi ero curiosa di sapere se Roberto ce l’aveva fatta a tornare a casa”.

cartolina_valentina_romano

Missione riuscita grazie all’appello lanciato attraverso il suo profilo personale di Facebook, infatti, nel giro di qualche ora è riuscita a rintracciare i familiari di Roberto Bianchi.

Roberto Bianchi, classe 1924, militare italiano internato dai Nazisti in un campo di prigionia in Polonia dopo la firma dell’armistizio con gli Alleati. Una volta rientrato in Italia, si stabilisce a Faggeto Lario di cui divenne il postino per poi spegnersi nel 1999.

La storia di Roberto Bianchi è stata raccontata all’Huffington Post Italia da suo cugino Romano Bianchi (74 anni): “Non sapevamo dell’esistenza di questa cartolina. Rileggere le parole di nostro cugino ha risvegliato in noi vecchi ricordi, è stata una grande emozione per tutta la mia famiglia. La cartolina si trovava nella casa di mio cugino. Una settimana fa la signora che ora è subentrata nell’appartamento ha svuotato tutto: mobili, armadi, libri e vecchie scartoffie. La cartolina sarebbe finita in discarica se non fosse volata via dal camion dell’immondizia e l’insegnante non l’avesse trovata”.

Una storia che sarebbe andata perduta con la distruzione della cartolina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.