Pride Month 2024 statunitense all’insegna dell’odio

Pride Month 2024 statunitense all’insegna dell’odio

Si sono verificati oltre 40 attacchi in oltre 40 città statunitensi nel mese dedicato alla comunità LGBTQIA+

Atti di vandalismo di carattere omotransfobico che si sono verificati in 21 Stati dell’Unione sia negli Stati a guida Democratica come la California, il Massachusetts, il New Jersey e nello Stato di Washington, sia negli Stati a guida Repubblicana come l’Idaho, il Montana, il Texas e il West Virginia. Atti di omotransfobia che sarebbero stati compiuti in prevalenza da “lupi solitari”.

Il Senegal sempre più omotransfobico

Benjiamin C. Mizer (Procuratore Generale Associato Ad Interim): ‹‹Abbiamo assistito a un aumento della violenza motivata dall’odio contro la comunità LGBTQIA+. Ci sono molte comunità che hanno paura di denunciare alle forze dell’ordine statali o locali, e talvolta queste paure sono radicate in una storia di preoccupanti rapporti tra quelle comunità e le loro forze dell’ordine locali››.

Ecco di seguito alcuni episodi.

All’esterno dello Stonewall Monument sono state vandalizzate oltre 150 bandiere Rainbow, mentre in una città dello Stato dell’Oregon, un pazzo ha esploso diversi colpi da arma da fuoco contro una bandiera Rainbow esposta fuori da una biblioteca pubblica. E tre adolescenti sono stati poi arrestati dalla polizia con l’accusa di avere vandalizzato un passaggio pedonale arcobaleno nello Stato di Washington.

Copa America 2024, tifosi messicani intonano canti anti-gay

Amanda Gentry (vittima di vandalismo omotransfobico) ha dichiarato a LGBTQNation che la prima volta che ha issato la bandiera Rainbow per il Pride, fuori dal suo studio legale a Warren nel Tennessee, i suoi stessi soci gay l’avevano avvisata di eventuali ritorsioni. La notte dopo averla esposta, un uomo è stato ripreso dalle telecamere di sicurezze poste all’esterno dell’ufficio mentre distruggeva la bandiera Rainbow in mille pezzi.

Dati preoccupanti, infatti, l’organizzazione non Governativa per la difesa dei diritti umani l’Human Rights Watch ha dichiarato che negli ultimi sei mesi – negli Stati Uniti d’America – sono entrate in vigore oltre 30 Leggi anti-LGBTQIA+, rispetto alle 84 che sono state emanate nell’anno precedente.

Situazione che potrebbe diventare sempre più esplosiva se dovesse essere rieletto alla Casa Bianca, Donald Trump.

Suggerisci una correzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.