La Chiesa Ortodossa Russa a favore Terapie riparative

La Chiesa Ortodossa Russa a favore Terapie riparative

La Chiesa Ortodossa Russa a favore Terapie riparative

Ennesima farneticazione omofoba da parte della Chiesa Ortodossa di Russia. Attraverso un Vescovo della Diocesi di Mosca, il Metropolita Hilarian, la Chiesa Ortodossa di Russia ha affermato di poter guarire le persone LGBTQ dal loro peccaminoso stato di omosessuali. Uno stato che va contro il credo religioso e lo Stato russo. Un pericolo per il futuro della Russia e del popolo russo.

Una volta ‘guariti’ i cittadini LGBTQ si trasformerebbero in ‘veri padri di famiglia’ capaci di procreare per il bene della Russia e della Chiesa Ortodossa!

Sempre il Metropolita russo Hilarian: “L’esperienza pastorale con persone omosessuali dimostra che in molti casi una persona può abbandonare quel peccaminoso stile di vita e costruire la sua vita in modo da trasformarsi in un vero padre di famiglia”. La Chiesa Ortodossa di Russia è già operativa per le riconversioni dei gay ma su scala ridotta, quindi il suo scopo sarebbe di svilupparla a livello nazionale, e di sicuro non mancheranno gli appoggi da parte del Governo russo e dallo stesso Presidente della Russia, Vladimir Putin.

In Russia dal 2013 è in vigore l’Omofobia di Stato con l’approvazione della controversa Legge sulla Propaganda gay che ha creato un clima di odio nei confronti dei cittadini LGBTQ. Omosessuali visti come pericolosi nemici per la stabilità dello Stato russo. Nemici da combattere con ogni mezzo. Basta vedere il video contro l’astensionismo per le elezioni presidenziali del 18 marzo di quest’anno, dove ipotizzando una nuova Russia con un esercito di soldati di colore che costringono l’astensionista a ballare, il figlio che fa parte dei ‘Pionieri comunisti’ e come pezzo forte, l’obbligo di ospitare per una settimana un gay.

Un video di propaganda razzista, anticomunista e omofobo con un chiaro messaggio: Vai a votare e vota per l’uomo forte se vuoi evitare il declino della Russia. Ovviamente l’uomo forte è l’attuale Presidente della Russia Vladimir Putin candidato come indipendente (In carica dal 1999 a oggi ricoprendo le cariche di Primo Ministro e di Presidente della Russia).

La posizione della Chiesa Ortodossa di Russia nei confronti dei cittadini LGBTQ non è una novità come del resto per la maggior parte dei culti religiosi. Le frange integraliste dell’Islam come l’ISIS uccidono i gay o presunti tali lanciandoli nel vuoto dai palazzi mentre i Paesi ‘democratici’ utilizzano una via di mezzo. Fomentano l’odio nei confronti dei cittadini gay, accusandoli di essere contro la Parola di Dio cercando di renderli cittadini di serie B, privandoli dei diritti civili e al tempo stesso propagandano l’omosessualità come una malattia da curare. Ricordo Joseph Nicolosi, uno di principali sostenitori delle terapie riparative che affermava che dentro un gay si nasconde un eterosessuale latente che con determinate cure poteva uscire fuori!

In molte nazioni come Malta, Repubblica Popolare Cinese, Canada e Stati Uniti d’America le terapie riparative sono state vietate (In Gran Bretagna sono ancora legali) e anche se da noi non sono riconosciute, esistono centri a carattere cattolico e non che offrono pacchetti per la riconversione dei gay. Pratiche sostenute e propagandate da movimenti integralisti cattoliche che si ergono a difensori del cattolicesimo e della famiglia tradizionale (Curiosamente tutti i Leader della crociata pro-famiglia tradizionale sono o divorziati con figli di primo e secondo letto o conviventi con figli).

Anche se in Italia non sono illegali, dovrebbero esserlo. Bisogna impedire queste pratiche prive di ogni base scientifica e imbevute di omofobia, odio e integralismo religioso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.