Il Re dell’Horror Stephen King ‘divorzia’ da Facebook

Il Re dell’Horror Stephen King ‘divorzia’ da Facebook
Il Re dell'Horror Stephen King ‘divorzia’ da Facebook

Il Re dell’Horror Stephen King ‘divorzia’ da Facebook. Alla fine anche Stephen King ha deciso di lasciare il social Facebook. Abbandono dovuto ai tanti problemi riguardanti le Fake News (Notizie false create per fare disinformazione) e alla scarsa protezione della privacy degli iscritti. L’annuncio l’ha dato attraverso il suo profilo Twitter.

Il Re dell’Horror Stephen King ‘divorzia’ da Facebook attraverso Twitter

“Sto abbandonando Facebook. Non mi sento a mio agio con il flusso di informazioni false consentite nella sua pubblicità politica, né sono fiducioso nella sua capacità di proteggere la privacy dei suoi utenti. Seguitemi (e seguite “Molly aka The Thing of Evil” -che sarebbe la sua cagnolina-) su Twitter, se volete”.

Stephen King

Il famoso scrittore statunitense Stephen King autore di capolavori come IT, Misery non deve morire o Mr. Mercedes è inoltre famoso per il suo impegno politico (Molto vicino al Partito Democritico) per la sua schiettezza e per la sua forte opposizione all’attuale Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump che l’ha pure bloccato su Twitter.

In occasione le Presidenziali Usa2020 Twitter ha deciso che non accetterà più annunci politici al contrario di Facebook che continuerà a mostrare spot elettorali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.