Facebook e minori. Figlia denuncia i genitori per violazione privacy

Facebook e minori. Figlia denuncia i genitori per violazione privacy

La nascita di Facebook ha modificato il mostro modo di interagire con le altre persone e in un certo senso ci ha trasformato tutti noi (chi più, chi meno) in esibizionisti.

Ogni scusa è buona per postare qualsiasi cosa ci passa per la testa in quel momento dalle foto delle vacanze o al pensiero del giorno e molti genitori, pubblicano le foto dei loro figli.

Molti genitori hanno sviluppato la mania o per meglio dire l’ossessione di pubblicare nel loro profilo Facebook mette a rischio la sicurezza dei figli. La pedofilia online è sempre in agguato.

facebook-logo

In molte occasioni le autorità di Polizia hanno lanciato l’allarme sui pericoli della pubblicazione indiscriminata di foto di minori. Foto che per la maggior parte sono rubate dai pedofili per i loro scambi di materiale pedopornografico.

I genitori continuano a pubblicare lo stesso le foto dei loro figli ma in Austria una ragazza ha denunciato i propri genitori per la violazione della sua privacy.

Secondo quando riporta il quotidiano L’Unione Sarda, i genitori finiti sotto inchiesta nel corso della vita della loro figlia hanno pubblicato 500 foto che ritraggono la figlia dall’infanzia all’adolescenza.

Appena raggiunta la maggiore età, la ragazza apra il suo profilo Facebook scoprendo le foto pubblicate dei genitori e a quel punto scatta la denuncia per violazione della propria privacy.

Ecco la motivazione della ragazza:Mi sono arrabbiata e ho chiesto loro di cancellare tutte e 500 le foto postate. Loro si sono rifiutati e quindi ho deciso di citarli in giudizio. Loro si sono rifiutati e quindi ho deciso di citarli in giudizio”.

A questo punto i 2 genitori rischiano di dover pagare alla figlia una multa fino a 10mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.