Accoglienza migranti. L’ipocrisia europea

Accoglienza migranti. L’ipocrisia europea

Finalmente l’Unione Europea si è accorta della tragedia dei migranti che scappano dalle loro Nazioni a causa della guerra e dall’ISIS.

Dopo le morti nel mar Mediterraneo, dopo la costruzione di muri per arginare il flusso migratorio, dopo il collasso dell’isola di Lampedusa, dopo vertici bilaterali e in particolar modo dopo la foto che ritraeva la morte del piccolo Alyan, i “grandi” dell’Unione Europea si sono resi conto che non si poteva più far finta di nulla e che era giunto il momento di agire.

A questo punto, dopo che l’Italia (Il nostro Paese è da anni che affronta il problema dell’immigrazione) e la Grecia dopo mesi e mesi di richieste d’aiuto (Sino a oggi rimaste inascoltate) l’Unione Europea ha deciso per una suddivisione pro-quota dei migranti da destinare ma il Regno Unito ha già fatto sapere che non appoggerà il piano delle quote europeo e che invece accoglierà solo 15mila migranti siriani, prelevandoli direttamente dai campi profughi situati ai confini con la Siria.

Il Governo di Londra andrà a “scegliersi” direttamente i “suoi” profughi, in fin dei conti, perché aiutare quelli già presenti in Europa?

Migranti_1
Migranti_1

L’iniziativa di Londra non si ferma con l’accoglienza dei 15mila profughi siriani, infatti, la sua intenzione sarebbe di iniziare a utilizzare (Al massimo ai primi di ottobre di quest’anno) raid aerei contro le postazioni dell’ISIS in territorio siriano e al tempo stesso cercare di smantellare, grazie a un’azione dell’Intelligence il traffico di esseri umani che sta dietro al flusso migratorio degli ultimi anni.

I “Tornado” della RAF (Aeronautica Militare Britannica) stanno già partecipando a questo tipo di raid aerei internazionali in Iraq, quindi non sarà difficile ottenere il via libera dalla Camera dei Comuni.

Il quotidiano britannico “Sunday Times” riferisce che la guerra contro le organizzazioni dei trafficanti di esseri umani sarà condotta dal “National Crime Agency” (NCA) e dal “GCHQ” l’agenzia di spionaggio elettronico.

Morte_Migranti
Morte_Migranti

Un’unità del “NCA” sarà inviata nel Mediterraneo con lo scopo di neutralizzare i capi delle organizzazioni criminali dedite al traffico di esseri umani, precedentemente “scoperte” dagli uomini del “GCHQ”.

I sondaggi parlano chiaro, il 52% dei cittadini britannici è a favore di queste misure, in quanto, ritiene sia giunto il momento di porre fine, dopo 4 anni alla guerra in Siria e alla crisi dei migranti che si stanno facendo sempre più numerosi ai confini dell’Europa.

George Osborne, il Cancelliere dello Scacchiere (Il Ministro delle Finanze Britannico) ha dichiarato che il Governo di Cameron impiegherà i fondi ottenuti con loSpendig Reviewper far fronte all’assistenza ai migranti.

Sino a oggi il Governo di Londra ha speso circa 1 miliardo di sterline.

E dalla Francia, si fanno sempre più concreta la notizia dell’intenzione del Governo di Hollande di seguire il Regno Unito in una possibile guerra in Siria contro l’organizzazione terroristica di matrice islamica ISIS.

Morte
Morte

A neppure 2 anni dal referendum (Si terrà nel 2017) sulla permanenza o meno della Gran Bretagna all’interno dell’Unione Europea, i sondaggi rivelano un aumento anti-europeo nei sudditi di Sua Maestà Britannica. Un aumento dovuto anche alla paura di una massiccia invasione di immigrati e alla disastrosa gestione della crisi e per la prima volta la bilancia pende a favore della tanto temuta “Brexi” (Uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea).

Quello che stupisce è che adesso sono tutti pronti ad accogliere i profughi come la Germania che attraverso le parole della Cancelliera Angela Merkel hainvitatoi migranti (Solo siriani) a recarsi nella sua Nazione, dove molti semplici cittadini hanno deciso di darli un caloroso benvenuto e tanti altre Nazioni hanno fatto lo stesso ma secondo me si tratta solo di ipocrisia buonista di facciata e niente di più.

Il problema dei migranti non è scoppiato in questi mesi, infatti, è un problema di anni e che sino a oggi è ricaduto in particolar modo sulle spalle dell’Italia.

Come dimenticare il collasso dell’isola di Lampedusa a causa dei massicci arrivi dei migranti? 

E i tanti salvataggi effettuati dalle nostre navi militari nel mar Mediterraneo? E di quelli salvati da navi militari europee e poi fatti sbarcare in Italia? 

E come dimenticare i respingimenti dei migranti che dal nostro Paese cercavano di passare il confine con la Francia e la Germania con l’intento di riunirsi con i loro parenti presenti in quelle Nazioni?

E questi non sarebbero gli unici esempi di “accoglienza degli immigrati”.

La foto straziante del corpicino senza vita del piccolo migrante Alyan (In quella tragedia morirono anche la madre e il fratellino maggiore di Alyan) ha fatto il giro del mondo, facendo gridare all’indignazione ma la famiglia del piccolo fu respinta dal Canada.

E quante persone tra donne, uomini, giovani, anziani e anche bambini sono morti e che non sono statifotografatiprima del piccolo Alyan? 

Migliaia e migliaia ma nessuno dei cittadini e dei potenti che adesso si dicono disposti ad accogliere i migranti, negli anni scorsi hanno mosso un solo dito per aiutare le Nazioni che da anni gli accoglievano.

Adesso tutti ad applaudire la Merkel, la Germania e i tedeschi per l’apertura delle frontiere per questi poveri fratelli sfortunati ma ricordiamo che questi “Benefattori”, già considerati da molti “eroi” accoglieranno solo ed esclusivamente profughi siriani che una volta terminata la guerra in Siria saranno rispediti nella loro patria ma tutti gli altri profughi non siriani?

Fonte: Google News; La Repubblica; Verosimilmente Vero Blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.